Argomenti -- Topics

In questa sezione ci˛ che viene pubblicato nel sito Ŕ organizzato in nuclei di aggregazione tematica. Le pagine degli Argomenti (come giÓ i Percorsi) sono degli itinerari di lettura. in English
This section provides a thematic guide to the contents of the site. The Topics' pages (like the old Threads) delineate itineraries for investigation.
 Agosto 2002 
(pagina 1)
Sotto questo riquadro trovi elencati i contenuti.
Puoi accedere a tutti gli argomenti trattati consultando
l'  INDICE 

Contenuti
[Agosto 2002]

 
Tecnoscienza e responsabilitÓ right.gif (841 byte) VAI

Biotecnologie e opinione pubblica right.gif (841 byte) VAI

Richard R. Nelson, uno dei maggiori economisti dell'innovazioneupda.gif (933 byte)[23 January 2003] right.gif (841 byte) VAI

ResponsabilitÓ sociale dell'imprenditore right.gif (841 byte) VAI

Post Human right.gif (841 byte) VAI

Spunti per un dibattito sull'innovazione right.gif (841 byte) VAI

Tecnoscienza e ResponsabilitÓ

right.gif (841 byte) Intervista a Giuseppe Longo, di Margherita Fronte

Giuseppe O. Longo, ordinario di teoria dell'informazione all'UniversitÓ di Trieste, Ŕ autore di saggi e libri che affrontano le questioni legate al progresso della tecnologia e al nuovo rapporto fra uomo e macchina.

u.gif (2799 byte)Il tema della responsabilitÓ Ŕ un argomento centrale in quanto le innovazioni della tecnoscienza --decise da poche persone non sempre identificabili con certezza-- esercitano influenze importanti su tutti, arrivando a modificare i processi evolutivi attraverso la creazione di una nuova entitÓ, che Longo chiama "Homo technologicus", frutto dell’ibridazione fra uomo e macchina. L’intervista parte da un tema che accomuna la riflessione di Longo a quella di Richard Nelson (v. item in questa pagina), e che riguarda i rapporti fra scienza teorica e innovazione.

right.gif (841 byte) Il saggio di Longo "Tecnoscienza e Globalizzazione"

right.gif (841 byte) Possibili connessioni tra le tesi di Longo e alcuni item di questo sito

Backright-up.gif (913 byte)

Biotecnologie e opinione pubblica [agg : 16 agosto 2002] right.gif (841 byte)vai

DNA pubblico

A questo argomento abbiamo dedicato in passato ampio spazio nel Percorso sulle Biotecnologie, dove sono anche disponibili tutti i documenti relativi al sondaggio Fondazione Bassetti-Poster sul tema.
Qui di seguito alcuni aggiornamenti:

right.gif (841 byte) "Dell'uso improprio del sondaggio, della sua carica deresponsabilizzante e dei possibili correttivi" (Rassegna Stampa commentata)

right.gif (841 byte) Dialogo on-line tra Vittorio Bertolini e Gilberto Corbellini conseguente alle considerazioni svolte da Bertolini nella Rassegna (v. sopra) in cui citava l'articolo del Sole 24 Ore del 28 aprile dove Corbellini esternava una critica al sondaggio Fondazione Bassetti-Poster

right.gif (841 byte)  Lettera di risposta all'articolo, firmata dai curatori del sondaggio

right.gif (841 byte) "OGM: gli europei non si fidano dei decisori", commento di Margherita Fronte ai risultati della ricerca "Public Perceptions of Agricultural Biotechnologies in Europe" (PABE), finanziata dalla ComunitÓ europea
źI risultati sfatano molti pregiudizi che riguardano sia gli aspetti legati alla percezione pubblica delle biotecnologie, sia i motivi per cui gli europei guardano con sospetto i cibi prodotti a partire da OGM.
(...)
Il caso della mucca pazza - con le pesanti responsabilitÓ delle autoritÓ nel determinare la diffusione dell'epidemia fra i bovini e la malattia nell'uomo - non Ŕ stato considerato un'eccezione quanto, piuttosto, un caso esemplare del comportamento delle istituzioni.╗

Alla ricerca "PABE" Ŕ dedicato il sito www.pabe.net, dove Ŕ possibile leggere anche il comunicato stampa, la sintesi dei risultati e il report finale.

[16 agosto 2002] Riguardo alla comunicazione scientifica:
di Vittorio Bertolini:
right.gif (841 byte)Commento a recenti articoli e saggi sulla comunicazione scientifica
right.gif (841 byte)CredibilitÓ dell'informazione scientifica e conflitto d'interessi

Backright-up.gif (913 byte)

Richard R. Nelson, uno dei maggiori economisti dell'innovazione

right.gif (841 byte) Richard R. Nelson a Milano - Richard R. Nelson in Milan [partly [in English]]

Luigi Orsenigo, Franco Malerba, Richard Nelson, Piero Bassetti alla Lecture di Nelson del 18 giugno

Richard Nelson, economista della Columbia University, ha centrato molta parte della sua attivitÓ di ricerca sui temi legati all'innovazione, alla crescita economica di lungo periodo e al ruolo della tecnologia nel processo evolutivo economico e sociale.
Il 17 e 18 giugno ha tenuto all'UniversitÓ Bocconi di Milano due lezioni organizzate dalla Fondazione Giannino Bassetti e dall'universitÓ stessa.

right.gif (841 byte) Pagina su Nelson (a cura dello Staff della Fondazione Bassetti)
Page about Nelson (by Fondazione Bassetti Staff) [partly [in English]]

right.gif (841 byte) "On the uneven evolution of human know-how" [in English] (il saggio alla base dell'intervento di Nelson -- the essay behind Nelson's talk)

right.gif (841 byte) Piero Bassetti's speech [in English]

right.gif (841 byte) Comunicati Stampa

right.gif (841 byte) Articolo su La Repubblica (di Laura Kiss) [23 January 2003]
      Article published in La Repubblica (by Laura Kiss)  [in English]

right.gif (841 byte) Articolo sul Corriere della Sera (di Edoardo Segantini)

right.gif (841 byte) Intervista a Nelson, di Margherita Fronte
      Interview with Nelson, by Margherita Fronte [in English] [23 January 2003]

right.gif (841 byte) busta.gif (111 byte) Da Vittorio Bertolini:
"Un recente saggio di Pozzali e Viale 'Cognizione e conoscenza tacita nei processi cognitivi' cita 'An Evolutionary Theory of Economic Change' di Nelson e Winter"

Backright-up.gif (913 byte)

ResponsabilitÓ sociale dell'imprenditore
[agg : 19 agosto 2002] : vai all'aggiornamento

CompatibilitÓIn passato abbiamo dedicato ampio spazio a questo tema. Oggi lo riproponiamo partendo da un...

right.gif (841 byte) dialogo on-line tra Giacomo Correale, Gian Maria Borrello e Carlo Penco.

Il dialogo si collega ai seguenti Percorsi
right.gif (841 byte)ResponsabilitÓ sociale dell'imprenditore
right.gif (841 byte)ResponsabilitÓ sociale dell'imprenditore (a cura di P. Lombardi)
right.gif (841 byte)Una questione di... convenienza
right.gif (841 byte)Caso "Ford"
right.gif (841 byte)Caso "Microsoft"
right.gif (841 byte)Amartya Sen
e alla
right.gif (841 byte)Rassegna stampa del 12 marzo 2002

[19 agosto 2002] Si vedano anche i seguenti articoli
[alcuni dei link conducono al sito "Incontrisulpianeta"]:

busta.gif (111 byte)da Giacomo Correale:
źIl primo articolo Ŕ lo stralcio del rapporto sulla politica monetaria della Federal Reserve, letto al Congresso il 16 luglio.
L'articolo di Guerci sul libro di Baumol [ndr: si veda, anche, la Rassegna "Innovazione , finanza e produzione", del 24 luglio] fa venire voglia di leggerlo. Io
sono sempre stato sostenitore di quella particolare forma di mercato che
caratterizza i "buoni" sistemi capitalisti e che viene definita
"concorrenza monopolistica". Ne ho parlato anche nel dialogo sulla
responsabilitÓ  sociale con Penco e Borrello [ndr: v. sopra].
Gli altri due danno l'impressione che, ormai, tutti parlano di
responsabilitÓ dell'azienda e di etica, in modo allarmante per l'etica e la
responsabilitÓ effettive.╗
[9 agosto 2002]
  • " 'Il nostro sistema finanziario Ŕ malato' "
    Il testo del discorso con cui il presidente della Fed ha lanciato l'allarme: troppi amministratori ingordi e incapaci stanno distruggendo la fiducia nel mercato americano
    Alan Greenspan
    Affari & Finanza - La Repubblica, 22 luglio 2002
  • "Crescita a tutta innovazione"
    Baumol lo sviluppo avanza se esiste una forte rivalitÓ tra imprese. Indicazioni per rileggere le legislazioni antitrust e i poteri monopolistici
    Carlo Maria Guerci
    Il Sole 24 Ore, 23 giugno 2002
  • " Le imprese di successo si danno al 'sociale' "
    C'era una volta la corsa sfrenata al business, oggi per le aziende contano i risultati etici e il gradimento della comunitÓ
    editoriale
    il Corriere della Sera, 1 luglio 2002
  • "Etica dell'impresa: egoismo con simpatia"
    La globalizzazione rende sempre pi¨ decisivo il rapporto fra aziende e territorio
    Gianfranco Dioguardi
    La Stampa , febbraio 2002

Backright-up.gif (913 byte)

Post Human

posthuman.jpg (4890 byte)Il futuro ci riserva una post-umanitÓ.
L'anelito dell'uomo a superare quella che ha da sempre percepito come una propria incompletezza Ŕ tipico delle pi¨ profonde e fertili autorappresentazioni che egli ha della propria esistenza. "Post human" Ŕ una riflessione sulle trasformazioni a cui questo modello di esistenza va incontro.

right.gif (841 byte)Rassegna Stampa

  • "L'intelligenza artificiale ora reclama un corpo", di Giuseppe Longo, su Avvenire del 30 maggio
  • "Post-faber, l'umano nel pianeta della tecnosfera", recensione di Franco Voltaggio del libro "Post-human. Verso nuove forme di esistenza", su Il Manifesto del 18 giugno
  • "Computer e geni, la differenza c'Ŕ", di Giuseppe Longo, su Avvenire dell'11 aprile

 right.gif (841 byte)... e Aggiornamenti [agg : 13 agosto 2002]

  • [13 agosto 2002] "Dai rapporti con la tecnica alle ibridazioni: evoluzione del concetto di 'post-human'", di Antonio Caronia, L'UnitÓ, 8 agosto 2002
  • "La nostra specie Ŕ aperta a tutte le forme di vita, siamo preparati per un futuro post-human", di Dario Voltolini, su La Stampa del 23 giugno 2002
  • "Post-umani come angeli", di Andrea Lavazza, su Avvenire del 13 luglio 2002

Backright-up.gif (913 byte)

Spunti per un dibattito sull'innovazione 
[agg : 19 agosto 2002] : vai all'aggiornamento
[agg : 10 agosto 2002] : vai all'aggiornamento

Paolo Schmidt di FriedbergRileggiamo uno scritto di Paolo Schmidt di Friedberg ( * ) del 1981, pubblicato in questo sito nell'aprile 2000

 

  • Visione meccanicista e visione organicista del mondo
  • Vita come barriera sul fiume dell'entropia e come logica conseguenza dell'evoluzione del cosmo
  • Uomo al centro dell'evoluzione
  • Innovazione come volontÓ dell'uomo di sfruttare il potere degli ideali e di altre categorie intellettuali per influenzare il futuro condizionando il presente
  • Innovazione responsabile come sfida della libertÓ, vera matrice della cultura occidentale
  • Con l'Innovazione l'uomo progetta l'evoluzione

Queste le idee secondo cui Paolo Schmidt di Friedberg proponeva un quadro interpretativo del ruolo dell'uomo nel processo evolutivo.

right.gif (841 byte)Lo scritto di Schmidt di FriedbergL'uomo di Vitruvio disegnato da Leonardo

Backright-up.gif (913 byte)