Logo della Fondazione Giannino Bassetti

FONDAZIONE GIANNINO BASSETTI

L'innovazione è la capacità di realizzare l'improbabile

Intestazione stampa

Rassegna Stampa

a cura della Redazione FGB

Home > Rassegna Stampa > La Lecture di Daniel Callahan sulla stampa (3)

La Lecture di Daniel Callahan sulla stampa (3)

di Redazione FGB [1], 8 Marzo 2005

In edicola, sabato 4 marzo, sono apparse due interviste a Daniel Callahan. Sul supplemento "Io Donna" del Corriere della Sera "Vivere fino a cent'anni? [2]", a firma Niccolò d'Aquino e, su L'Espresso, "Far West high tech [3]" di Luca Carra. Nel corso delle due interviste, particolarmente estesa la seconda, vengono toccati i tre temi che conducono alla cosiddetta "insostenibilità" della medicina attuale:
'il primo è l'invecchiamento della società: gli anziani stanno diventando la maggioranza della popolazione, e le cure mediche a un anziano costano il quadruplo rispetto a una persona con meno di 65 anni. Poi ci sono un progresso tecnologico selvaggio e poco utile per il miglioramento della salute, e le pretese sempre crescenti del pubblico nei confronti della medicina'.
Tuttavia, di questi tre temi Callahan affronta con più decisione il secondo, quello di una ricerca tecnico-scientifica sempre più esasperata, dai costi incontrollabili e dai risultati scarsi.
'La farmacogenomica, che si fonda sul progetto "Genoma umano" per il quale sono stati spesi tre miliardi di dollari, promette una medicina personalizzata, ma a costi non sostenibili e che necessariamente andrebbero a erodere altri settori più importanti e promettenti della medicina e dell'assistenza'.
La critica di Callahan non appartiene alla polemica anti-scientifica, ma nasce dalla sua visione della medicina, la quale, a suo parere, più che riguardare i problemi del singolo deve rivolgersi alla popolazione:
'Dobbiamo riorientare la medicina verso una prospettiva di benefici non solo individuali, ma di popolazione. Le sembra logico sapere tutto sui geni e non avere la minima idea di un metodo efficace per smettere di fumare, o di ridurre la montante epidemia di obesi? Su questi "big killer" la nostra ignoranza è proporzionale alle briciole che investiamo in queste ricerche'.
Ma questo passaggio richiede una trasformazione culturale che è compito del politico realizzare:
'Sarebbe la quarta rivoluzione culturale americana dopo il femminismo, l'ambientalismo e i diritti civili. E' un cambiamento lungo, di tipo culturale, che deve conquistare il consenso della popolazione. D'altra parte il razionamento è presente, in forma occulta o palese, in tutti i sistemi sanitari, per esempio attraverso le liste di attesa. Va indirizzato a beneficio della salute pubblica'.
'In Occidente i sistemi di assistenza sanitaria sono sempre più in crisi. Ormai da tempo quello americano vede i costi aumentare ogni anno del 10-15 per cento. Saranno i governi a dire: basta'.

Mostra/Nascondi i link citati nell'articolo

Link citati nell'articolo:

  1. 1] /schedabiografica/Redazione FGB
  2. 2] /06/bertolini/callahan6.htm
  3. 3] /06/bertolini/callahan7.htm
CC Creative Commons - some rights reserved.
Immagine di base
Articoli di: 

Redazione FGB

Articoli
Ricerca per:
Ricerca nei video:

- Iscriviti alla mailing list - Informativa Cookies -

RSS Feed  Valid XHTML  Diritti d'autore - Creative Commons Gruppo Fondazione Giannino Bassetti in Facebook Gruppo Fondazione Giannino Bassetti in Linkedin Segui la Fondazione Giannino Bassetti in twitter

p.i. 12520270153