Logo della Fondazione Giannino Bassetti

FONDAZIONE GIANNINO BASSETTI

L'innovazione è la capacità di realizzare l'improbabile

Intestazione stampa

Rassegna Stampa

a cura della Redazione FGB

Home > Rassegna Stampa > Se la politica invade la scienza

Se la politica invade la scienza

di Redazione FGB [1], 27 Settembre 2003

Nella dialettica "scienza e politica", mentre i momenti della tesi (autoreferenzialità degli scienziati) e dell'antitesi (invadenza dei politici nella ricerca) sono molto forti, risulta molto debole il momento della sintesi. Nell'articolo "Dr. Butler, il nuovo 'caso Baltimore'" [2],apparso su Il Riformista del 12 settembre, Anna Meldolesi attraverso tre casi esemplari, illustra come la politica, per i più svariati motivi (lotta al bioterrorismo, esigenze della sicurezza nazionale, moralizzazione del sistema scienza), non solo cerca di condizionare la libertà di ricerca, ma tenta anche di conculcare i diritti civili degli scienziati. Da Galileo ad Oppenheimer, due casi che, per la loro esemplarità, hanno meritato l'attenzione della moderna drammaturgia (vedi "Galileo" [3] di Brecht e "L'America contro Julius Robert Oppenheimer" [4] di Heinar Kippardt) la storia - secondo Anna Meldolesi - ci insegna che:
'La voglia della politica di entrare nei laboratori può prendere strade inconsuete, anche quella della caccia alle streghe'.
L'articolo della Meldolesi trae spunto dal caso del dr. Butler:
'accusato di aver portato campioni di peste dalla Tanzania senza rispettare alla lettera le normative Usa e di non aver saputo rendere conto della sorte di alcune provette, si trova intrappolato anche in una rete di accuse minori come la tempistica della sua denuncia dei redditi'.
Su come, poi, la sindrome del bioterrorismo, dopo l'11 settembre, abbia inciso sul dibattito sulla libertà di ricerca, si veda l'articolo di Pietro Greco "La paura del terrorismo ucciderà la libera scienza?" [5] apparso su l'Unità del 16 settembre 2002. Non si tratta, però, solo di una conseguenza dell'11 settembre; scrive infatti la Meldolesi:
'Liquidare la vicenda come se fosse soltanto il frutto avvelenato di un'America repubblicana che dopo lo shock ha perso il senso della misura sarebbe un errore'.
Ed infatti nell'articolo de Il Riformista si cita poi il caso Wen Ho Lee e quello del premio Nobel David Baltimore. Se la vicenda del fisico di origine formosana può essere inquadrata nel timore che importanti segreti militari possano essere trasmessi a un paese non amico (si può definire come la sindrome Bruno Pontecorvo), la lunga traversia di David Baltimore, accusato di frode per un articolo sulla rivista Cell, rientra più propriamente nella casistica di quando i "politici" si pongono di fronte alla ricerca scientifica non per esercitare una legittima azione di governance, bensì - come si legge nell'articolo della Meldolesi- piuttosto per:
'la smania [...] di vestirsi da fraud busters per dimostrare una tesi [...], quella secondo cui soltanto un giro di vite nei rapporti tra scienza e politica poteva ripulire la comunità scientifica dai troppi ricercatori imbroglioni che agivano indisturbati'.

Per quanto riguarda le accuse a Butler si veda:

Per la vicenda Wen Ho Lee rimando al sito wenholeeorg [9].

Per David Baltimore si veda sul sito Encyclopædia Britannica Baltimore, David [10]

Mostra/Nascondi i link citati nell'articolo

Link citati nell'articolo:

  1. 1] /schedabiografica/Redazione FGB
  2. 2] http://lgxserver.uniba.it/lei/rassegna/030912.htm
  3. 3] http://erewhon.ticonuno.it/riv/scienza/t-s/giorello.htm
  4. 4] http://erewhon.ticonuno.it/riv/scienza/t-s/appunt.htm
  5. 5] http://lgxserver.uniba.it/lei/rassegna/020916a.htm
  6. 6] http://www.usdoj.gov/usao/txn/PressRel03/butler_ind_pr.html
  7. 7] http://www.ph.ucla.edu/epi/bioter/techprofpleadsinnoc.html
  8. 8] http://www.biomedcentral.com/news/20030904/04
  9. 9] http://www.wenholee.org/
  10. 10] http://www.britannica.com/nobel/micro/49_16.html
CC Creative Commons - some rights reserved.
Immagine di base
Articoli di: 

Redazione FGB

Articoli
Ricerca per:
Ricerca nei video:

- Iscriviti alla mailing list - Informativa Cookies -

RSS Feed  Valid XHTML  Diritti d'autore - Creative Commons Gruppo Fondazione Giannino Bassetti in Facebook Gruppo Fondazione Giannino Bassetti in Linkedin Segui la Fondazione Giannino Bassetti in twitter

p.i. 12520270153