Logo della Fondazione Giannino Bassetti

FONDAZIONE GIANNINO BASSETTI

L'innovazione è la capacità di realizzare l'improbabile

Intestazione stampa

Focus

Temi in evidenza, a cura della Redazione

Home > Focus > Chi deve controllare l'informazione scientifica

Chi deve controllare l'informazione scientifica

di Vittorio Bertolini [1], 21 Marzo 2003

Nell'aprile 2000 ha destato un certo scalpore l'apparizione sulla rivista on-line del saggio "Why the future doesn't need us [2]", Perché il futuro non ha bisogno di noi, in cui Bill Joy, chief scientist della Sun Microsystems, paventava che nell'arco di qualche decennio nanotecnologie, bioinformatica e robotica portassero alla trasformazione dal genere homo sapiens al genere homo insipiens (cfr. in FGB L'Unità, 7 aprile 2000, Roberto Giovannini, "Attenti, ora serve una scienza etica [3]", Polemico saggio di Bill Joy su "Wired" e La Stampa, 11 aprile 2000, Luca De Biase, "Homo Insipiens - La fede in Internet genera mostri [4]"). A seguito dell'allarme, sollecitato dall'amministrazione Bush, lanciato da 32 direttori delle maggiori riviste scientifiche americane sulla possibilità che nella pubblicazione dei risultati delle ricerche possano essere contenuti informazioni che possano servire ad organizzazioni terroristiche, Bill Joy in una intervista a Giancarlo Radice uscita il 13 marzo scorso su Il Corriere della Sera "Tecnologie 'cattive'. Attenzione a Internet [5]" denuncia come l'enorme potenza dei computer e della scienza offre la possibilità di rifare il mondo in peggio:
'In generale, gli scienziati hanno paura che le loro ricerche siano sottoposte a restrizioni. Pensano che sia un po' come rinchiudere in casa Galileo. ... Bisogna trovare un punto d'equilibrio, dettato dall'etica. Gli scienziati dovrebbero essere tenuti ad assumersi la responsabilità delle conseguenze che le ricerche possono provocare: intendo anche la possibilità che si verifichino incidenti o che certe cose vadano in mano a persone pericolose. Se non si può bloccare la ricerca sulle biotecnologie, si può cercare di limitare l'accesso a certe informazioni. Ma devono essere i biologi a decidere quali aree debbano essere sorvegliate'. 'Il problema è far capire che anche in questo secolo il vaiolo, facilmente prodotto in laboratorio, è una perfetta arma di distruzione di massa. Se scoppiasse un'epidemia, allora la gente se ne renderebbe conto. Tutti capirebbero che potrebbe toccare anche a loro. Ma senza un incidente è difficile che l'opinione pubblica possa avere la percezione di quali rischi corre'.

Mostra/Nascondi i link citati nell'articolo

Link citati nell'articolo:

  1. 1] /schedabiografica/Vittorio Bertolini
  2. 2] http://www.wired.com/wired/archive/8.04/joy.html
  3. 3] http://www.fondazionebassetti.org/0due/docs/giovannini-joy.htm
  4. 4] http://www.fondazionebassetti.org/0due/docs/debiase-joy.htm
  5. 5] http://www.swif.uniba.it/lei/rassegna/030313a.htm
CC Creative Commons - some rights reserved.
Immagine di base
Articoli di: 

Vittorio Bertolini

Articoli
Ricerca per:
Ricerca nei video:

- Iscriviti alla mailing list - Informativa Cookies - Privacy Policy -

RSS Feed  Valid XHTML  Diritti d'autore - Creative Commons Gruppo Fondazione Giannino Bassetti in Facebook Gruppo Fondazione Giannino Bassetti in Linkedin Segui la Fondazione Giannino Bassetti in twitter

p.i. 12520270153