Logo della Fondazione Giannino Bassetti

FONDAZIONE GIANNINO BASSETTI

L'innovazione è la capacità di realizzare l'improbabile

Intestazione stampa

Tommaso Correale Santacroce

Altri DiaBloghi

Home > Tommaso Correale Santacroce > Lei sa perché sono qui?

Lei sa perché sono qui?

di Tommaso Correale Santacroce [1], 6 Febbraio 2007

Un uomo in giacca e cravatta (1) siede su una sedia senza braccioli. Di fronte a sé ha un'altra sedia, del tutto simile a quella dove è seduto lui. Vuota.
Entra un altro uomo, più giovane, in camice bianco (2).

2: Buongiorno!
1: Buongiorno! Si sieda pure.
2: Lei sa perché sono qui?
1: Faccio parte di questo paese e sono tra coloro che si sono accorti...
2: Quindi posso farle qualche domanda?
1: Se lo desidera...
2: Quando è successo?
1: Le dispiace se registro?
2: (sconcertato) No, certo, anch'io sto registrando.
1: Naturalmente. Diceva?
2: Quando è successo che lei si è accorto...
1: Qualche anno fa, leggendo un quotidiano, mi sono reso conto che...
2: (completamente spiazzato) Ma! L'esperimento è stato avviato meno di un anno fa!
1: All'apparenza si, ma in realtà tutto è cominciato molto prima che si formalizzasse, che ci si rendesse conto.
2: Anni fa...
1: Si. Lei era ancora un ragazzino.
2: Ma allora anche io...
1: Sicuro. Perché, secondo lei, io starei registrando?
2: Ma allora chi sono gli altri?
1: Gli altri? ...
2: Si, quelli che non sono sotto esperimento.
1: E' molto che non penso più ad alcuno come "altro", se non un "altro da me"...
2: ...
1: e anche in questo caso manca poco che io cambi opinione...
2: ...
1: Penso ogni volta come "Noi".
2: Pensa che siamo coinvolti tutti? Che chiunque faccia parte di questo esperimento?
1: O di altri esperimenti di cui comunque faccio parte anch'io... Siamo tutti coinvolti.
2: Gli "altri" allora sono quelli che non se ne rendono conto, quelli che non sanno.
1: No, le assicuro che non è così: di "altri" non ce ne sono più. Siamo Noi e basta.
2: Noi e basta...
1: Tutti coinvolti, chi sa e chi non sa, chi agisce e chi viene coinvolto, chi resta e chi fugge.
2: allora tutti gli uomini, il genere umano...
1: Si tutto il genere umano, ma anche gli animali e gli elementi della natura.
2: ...
1: Noi, come una unica mente che vive.
2: ...
1: ...
2: Non riesco a capire... non riesco a capire come gli elementi della natura possano essere considerati coinvolti, con loro non ci si può parlare, confrontare...

Comincia ad entrare acqua nella stanza. I due ammutoliscono. Prima un piccolo e sonoro rivolo, poi una vera cascata. L'acqua nella stanza sale, i due afferrano le proprie sedie per riuscire a restare ai loro posti. L'acqua sale fino al loro collo e si ferma.

1: Vede? Ora è urgente parlare del problema dell'acqua alta.
2: (molto spaventato) Si si.
1: D'altra parte, come era evidente, l'acqua è da considerarsi parte dell'esperimento.
2: Non riesco a capire, non riesco a capire!
1: Se l'esperimento viene svolto tra le case e sui campi che circondano la città, le falde acquifere sono coinvolte.
2: Mi scusi, la cosa è così complessa che sono confuso, non ne vedo i confini.
1: Si tratta di costruire nuove mappe. Mappe dei chiamati in causa e delle loro posizioni, delle loro idee. Mappe delle diversità e delle similitudini...
2: Ma io ero qui per intervistarla su un altro esperimento, quello delle polveri abbattute...
1: ...
2: ...
1: ...
2: Tutti coinvolti?
1: Si

L'acqua comincia a scendere di livello, ma la temperatura si fa sempre più alta.

---------------------------

- La Fondazione Bassetti ha stampato di recente i testi delle lecture organizzate tra il 2002 e il 2005: cito da quella di Latour: "Se una volta ridevi di chi credeva ingenuamente che il cielo sarebbe crollato sopra la sua testa, oggi sei convinto anche tu che il cielo potrebbe crollarti sopra la testa - sotto forma, per esempio, del problema del riscaldamento globale. E comunque, se anche non ne sei convinto, significa che neppure gli altri ne erano convinti. In conclusione non ci sono più 'gli altri'. Sei scivolato fuori dalla vecchia antropologia, e allo stesso tempo sei scivolato fuori dalla vecchia storia" (Bruno Latour "Nessuna innovazione senza rappresentanza! Un parlamento delle cose per i nuovi esperimenti socioscientifici" in "Sapere, fare, potere" a cura di Massimiano Bucchi, ed. Rubettino, 2006, pag 78). VaiLeggi [2]

- I materiali su Bruno Latour presenti in questo sito si possono raggiungere dalla pagina dedicata alla sua lecture organizzata a Milano dalla FGb nell'ottobre del 2003. VaiLeggi [3]

- Per descrivere cosa può essere un "Parlamento delle Cose" Latour cita i "forum ibridi" proposti da Michel Callon e Arie Rip. Sempre Latour: "un esempio di 'forum ibrido' [è] il dibattito attuale sul riscaldamento del pianeta. Intorno a un tavolo stanno seduti diversi portavoce: alcuni rappresentano l'atmosfera alta, altri le diverse lobbies del petrolio e del gas, altri ancora le organizzazioni non-governative, altri ancora rappresentano, nel senso proprio del termine, i rispettivi elettori. La netta differenza che prima separava tanto nettamente i rappresentanti delle persone e i rappresentanti delle cose è semplicemente svanita. (...) Ciò non significa che tutto sia politica: significa piuttosto che si deve individuare una nuova politica". (Brano citato in "Nuova scienza e nuova politica" di Piero bassetti. VaiLeggi [4])

Per quanto riguarda il discorso della mappatura delle controversie, si veda il primo intervento di Latour al Call for Comments curato da Cristina Grasseni "Quale responsabilità?". VaiLeggi [5]

Visitate anche:
Nel sito del CERAS, Centre de Recherche et d'Action Sociales: Bruno Latour, "Nouvelles règles de la méthode scientifique", ceras, Décider en politique, n° 268, hiver 2001, 2001, La Revue Projet. VaiLeggi [6]

Mostra/Nascondi i link citati nell'articolo

Link citati nell'articolo:

  1. 1] http://www.fondazionebassetti.org/schedabiografica/Tommaso Correale Santacroce
  2. 2] http://www.fondazionebassetti.org/it/segnalazioni/2006/12/sapere_fare_potere_il_nuovo_li_1.html
  3. 3] http://www.fondazionebassetti.org/it/eventi/2006/12/bruno_latour_in_milan.html
  4. 4] http://www.fondazionebassetti.org/it/it-frameset.html?content=http://www.fondazionebassetti.org/06/docs/bassetti-nuovascienza-nuovapolitica.htm
  5. 5] http://www.fondazionebassetti.org/it/grasseni/2006/02/quale_responsabilita_parte_1_i.html#comment-49
  6. 6] http://www.ceras-projet.com/index.php?id=1887
CC Creative Commons - some rights reserved.
Inserisci un commento  

dialogo con l'acqua
Articoli
Ricerca per:
Ricerca nei video:

- Iscriviti alla mailing list - Informativa Cookies -

RSS Feed  Valid XHTML  Diritti d'autore - Creative Commons Gruppo Fondazione Giannino Bassetti in Facebook Gruppo Fondazione Giannino Bassetti in Linkedin Segui la Fondazione Giannino Bassetti in twitter

p.i. 12520270153