Rassegna Stampa

a cura di Vittorio Bertolini

Home > Rassegna Stampa > Attenzione ai rischi del mondo piccolo

Attenzione ai rischi del mondo piccolo

L'atomismo di Democrito e Lucrezio ci insegna che le cose, animate e inanimate del mondo, nascono dall'incontro causale degli atomi nel loro movimento vorticoso e caotico.
La moderna tecnoscienza, come si è visto per la biogenetica, ha ritenuto che l'invisibile non sia un limite insuperabile, e che i processi naturali del molto piccolo possano essere corretti e modificati.
Davide Lovisolo, nella recensione apparsa su l'Indice dei libri di Giugno "Com'è piccolo il mondo" al recente libro di Gianfranco Pacchioni ("Quanto è piccolo il mondo. Sorprese e speranze dalle nanotecnologie", Zanichelli, Bologna 2008), parte dalla constatazione che:
«Le capacità di osservazione e di manipolazione si sono spinte a livello dell'atomo e delle piccole molecole, aggregati di pochi (cento? diecimila?) atomi. È nato il regno delle
nanoscienze, o, se si considera principalmente l'aspetto applicativo, delle nanotecnologie. Cosa sono? Nell'accezione condivisa, si tratta di quelle tecniche che consentono di caratterizzare e modificare la struttura della materia a una scala mille volte più piccola di quanto possiamo osservare con gli strumenti ottici tradizionali, il miliardesimo di metro, per l'appunto il nanometro.»
La recensione di Lovisolo è particolarmente esauriente per quanto riguarda l'evoluzione e le prospettive delle nanotecnologie; prospettive che vanno dalle applicazioni in campo medico a quelle riguardanti le scienze dei materiali.
Importante è la sottolineatura sui possibili rischi delle nuove tecnologie.
«Ma come tutte le sfide, sarebbe cieco (anche se la cecità è molto diffusa) non chiedersi quali siano i rischi e le possibili ricadute non calcolate di questo rapido irrompere di nuove tecnologie nella nostra vita: in uno degli ultimi capitoli Pacchioni affronta con attenzione questo aspetto, legato al fatto che nanoparticelle di vario tipo sono già oggi presenti in molti oggetti di uso quotidiano, dalle creme solari a parti meccaniche delle auto, e quando rilasciate nell'ambiente o a contatto con gli esseri viventi, possono, proprio perché della stessa scala dei componenti cellulari, portare a interazioni e riposte biologiche non prevedibili sulla base di quanto sappiamo delle stesse sostanze strutturate su una scala maggiore. E l'autore, se non condivide gli allarmi ingiustificati, ribadisce la necessità di studiare e di capire, per non farci sfuggire di mano i nuovi strumenti che stiamo creando.»
Tanto più che nell'estremamente piccolo la scienza deve ancora confrontarsi con i paradossi della meccanica quantistica.


Inserito da Vittorio Bertolini il 30.06.08 10:19. Permalink

copertina del libro di Pacchioni - Zanichelli
Categorie: Articolo cartaceo
Ricerca in questo blog  
Articoli
Categorie
Link

- Home - Chi siamo - Cosa è la FGB - Blog - Rassegna stampa - Segnalazioni - Ricerca - Newsletter - Contatti -

- Come navigare questo sito - Iscriviti alla mailing list - Tecnologia del sito -

RSS Feed  Powered by Movable Type  Valid XHTML  Valid CSS  Diritti d'autore - Creative Commons

p.i. 12520270153