Logo della Fondazione Giannino Bassetti

FONDAZIONE GIANNINO BASSETTI

L'innovazione è la capacità di realizzare l'improbabile

Intestazione stampa

Focus

Temi in evidenza, a cura della Redazione

Home > Focus > Dalla rivoluzione tecnologica al cambiamento delle metropoli. City+Design in Transition.

Dalla rivoluzione tecnologica al cambiamento delle metropoli. City+Design in Transition.

di Redazione FGB [1] [2], 1 Settembre 2016

Dalla rivoluzione tecnologica del lavoro al cambiamento dell'assetto metropolitano, OVVERO: Da Labour versus Labour a City + Design In Transition.

Nella cornice della XX1 Triennale [2] [3] e della mostra New Craft [3] [4], Fondazione Giannino Bassetti si appresta a chiudere il suo palinsesto di eventi con un ultimo incontro dal titolo City + Design in Transition, in collaborazione con il curatore Stefano Micelli e Polifactory [4] [5].
L'evento, che si terrà durante l'intera giornata dell'8 settembre 2016 alla Fabbrica del Vapore di Milano, vedrà un ricco parterre di interlocutori interrogarsi sul divenire del design e della città: innovazioni come il 3d printing e la manifattura digitale aprono a nuovi modi di produrre, ma allo stesso tempo influenzano i cambiamenti nella geografia della produzione, con dirette e radicali implicazioni per la società e l'organizzazione della metropoli dell'immediato futuro. (Sotto al volantino il programma completo)

Quest'ultimo capitolo, che anticiperà di pochi giorni la chiusura dell'esposizione New Craft, si pone come naturale conseguenza alle precedenti occasioni di discussione di cui Fondazione Giannino Bassetti è stata protagonista e promotrice. Una di queste è stata Labour versus Labour, rethinking work in a digital society che lo scorso aprile 2016 ha portato un prestigioso gruppo di ospiti a ragionare sulle implicazioni dell'innovazione nell'ambito del lavoro e della manifattura.
In attesa di incontrare di persona i nostri lettori l'8 settembre, nei prossimi giorni proporremo un dettagliato report i video e le fotografie dell'evento.





Programma (scaricalo in pdf [6] [7]):


CITY+DESIGN IN TRANSITION

1° MODULO > DESIGN IS THE NEW CRAFT - ore 10.30-13.00

Il paradigma della produzione distribuita (nella sua varietà di scale e forme) modifica la classica articolazione di ruoli e approcci che il design ha praticato nella sua storia recente.
Nuovi profili che non sono più solo professionali e forse ancora non compiutamente (o non solo) imprenditoriali che rappresentano lo stato dell'arte della riflessione e un esempio di processo di trasformazione virtuoso.

Il design sta trasformando il suo campo d'azione.

Un cambiamento che agisce sulle capacità e abilità individuali (il designer=impresa) attraverso una relazione potenziante con la tecnologia (come tool abilitante di nuovi processi e come campo-frontiera delle opportunità di materializzazione di nuovi prodotti-servizi)

Introduzione della giornata a cura di: Stefano Micelli
10.30-10.45

10.45-11.30
Anne Warburton (Craft Council)

PANEL:
11.30-12.30
Moderatore > Stefano Maffei
PANELIST:
Alessandro Zambelli, Giulio Iacchetti, Matteo Loglio, Filippo Gilardi

CONCLUSIONI
12.30-13.00
Moderatore > Stefano Maffei
DISCUSSANT:
Stefano Micelli, Alberto Cavalli (Fondazione Cologni)
+ partecipazione Interattiva di tutti i relatori

Light Lunch

2° MODULO > LA MANIFATTURA TORNA IN CITTÀ - ore 14.30-17.45

New Craft, la metropoli come esperimento collettivo.
Agli incroci delle città contemporanee passa un flusso di innovazione che attraversa il globo, impasta bit e atomi, informazioni e oggetti, alimenta la circolazione dei saperi come quella delle merci. Nuove imprese si affacciano, si formano professionalità inedite, si ripensa il rapporto tra consumo e produzione.
In questa arena, perseguire l'innovazione significa averne a cuore le caratteristiche qualitative, il contenuto di senso. Sono smart le città in grado di corrispondere alla propria specifica vocazione. Nelle città incontriamo, da un lato, imprese che producono tecnologia; dall'altro, cittadini la cui esperienza quotidiana è immersa, fin dall'infanzia, nelle culture digitali.

Triennale XXI e New Craft ci consentono sia di riflettere insieme a ospiti di altre città del mondo, sia di raccontare l'interazione tra gli attori che le calcano: imprese artigiane innovative, startup e industrie che sperimentano la manifattura digitale; luoghi della formazione, della condivisione di servizi e tecnologie; policy makers.

Un confronto internazionale tra realtà metropolitane che innovano all'incrocio tra artigianato e tecnologia.

Introduzione al modulo a cura di Fondazione Giannino Bassetti
14.30-14.45

Lecture
14.45-15.20
Stefano Micelli: Considerazioni a partire da
"One year after: Observations on the rise of innovation districts"
di Bruce Katz, Julie Wagner

CASE STUDIES

15.20-15.50
Cristina Tajani (Assessore alle politiche del lavoro, commercio, moda e design, Comune di Milano)

15.50-16.20
Tomas Diez (IAAC Barcelona)

16.20-16.50
Pascal Leclercq (INMA)

16.50-17.20
Antonio Giuseppe Martiniello (Made in Cloister)

CONCLUSIONI DELLA GIORNATA a cura di: Stefano Micelli
17.20-17.45

Aperitivo
17.45

18.30
In contemporanea:
Presentazione progetto "La Meneghina" di Confartigianato+Polifactory+Iride Modena all'interno della mostra "New Craft", FDV

-------------

Mostra/Nascondi i link citati nell'articolo

Link citati nell'articolo:

  1. 1] http://www.fondazionebassetti.org/it/focus/2016/09/dalla_rivoluzione_tecnologica_.html
  2. 2] http://www.fondazionebassetti.org/schedabiografica/Redazione FGB
  3. 3] http://www.triennale.org/
  4. 4] http://www.newcraft.it/
  5. 5] http://www.polifactory.polimi.it/
  6. 6] https://issuu.com/fondazionebassetti/docs/programma05
  7. 7] http://www.fondazionebassetti.org/it/focus/doc/PROGRAMMA_city_design-3p.pdf
CC Creative Commons - some rights reserved.
Dalla rivoluzione tecnologica al cambiamento delle metropoli
Articoli di: 

Redazione FGB

Articoli
Ricerca per:
Ricerca nei video:

- Iscriviti alla mailing list - Informativa Cookies -

RSS Feed  Valid XHTML  Diritti d'autore - Creative Commons Gruppo Fondazione Giannino Bassetti in Facebook Gruppo Fondazione Giannino Bassetti in Linkedin Segui la Fondazione Giannino Bassetti in twitter

p.i. 12520270153